Il Sé Superiore come maestro

Il modello del Sé Superiore, negli studi di Pavel e della Puchkò, è molto ben definito: è una connessione “virtuale” tra lo Spirito, l’Anima e il Subconscio.


Questa struttura può essere esaminata radiestesicamente e ripulita dalla programmazione negativa.
Un canale collega la nostra Coscienza alle strutture del Sé Superiore.


Un radiestesista deve averlo bene aperto e, ovviamente, ripulito dai programmi negativi, perché ciò determina i suoi risultati. E noi con le tecnologie radiestesiche russe lo possiamo fare!


In teoria, moltissime persone potrebbero avere questo canale aperto: quasi il 98% della popolazione terrestre. Il problema è nella stabilità del collegamento con il proprio Sé Superiore.


La percentuale delle persone che l'hanno realizzata veramente è, purtroppo, irrisoria.
Ma basta iniziare a collegarsi, a comunicare con il Sé Superiore come si comunica con un maestro. C'è sempre il primo passo; facciamolo.
Buddha diceva: "Sii maestro di te stesso".


Questo significa semplicemente affidarsi al proprio Sé Superiore, perché ci conosce meglio di chiunque, e non solo come siamo adesso: ci conosce in tutte le nostre incarnazioni passate e future.
E' davvero preferibile avere una guida esterna piuttosto che la propria Anima e il proprio Subconscio?

La radiestesia spirituale, quando è praticata con costanza e consapevolezza, è un eccellente strumento di crescita personale.